Curiosità

TeleTrade: Google, ExxonMobil, UPS e AMD danno la spinta a Wall Street

I nuovi utili aziendali hanno regalato ai rialzisti di Wall Street un'altra giornata positiva per iniziare al meglio il mese di febbraio.

I nuovi utili aziendali hanno regalato ai rialzisti di Wall Street un’altra giornata positiva per iniziare al meglio il mese di febbraio. Il prezzo dei futures sull’indice di mercato S&P 500 è aumentato di un altro 1,44% grazie alla brillante performance di Alphabet (+9,95% a chiusura della sessione identico al suo massimo storico) ed Exxon Mobil (+6,41%). Anche United Parcel Service (+14,08%) e Advanced Micro Devices (+11,5% durante il pre-mercato di mercoledì) hanno contribuito notevolmente al risultato complessivo.

La più grande società di trasporti del mondo è riuscita a battere di gran lunga le stime previsionali che erano già molto ottimistiche, con i suoi $3,59 di equità per azione (EPS) su 27,85 miliardi di entrate contro le previsioni dei sondaggi degli esperti di $3,09 su 27,06 miliardi di entrate. Il record di fatturato del nuovo trimestre per UPS è superiore di oltre 3 miliardi al precedente risultato di un anno fa e l’utile è del 32,5% superiore al dato del terzo trimestre 2021. L’efficienza operativa interna durante i periodi di forte domanda e l’aumento dei prezzi forte hanno portato ad una incredibile previsione per il 2022, tanto che il consiglio di amministrazione di UPS ha autorizzato un impressionante aumento dei dividendi del 50%. Tutti questi fattori giustificano un aumento immediato del prezzo delle azioni UPS al nuovo massimo storico di $230,69. L’unico lato negativo è che la crescita del 13,1% del segmento internazionale potrebbe essere interamente spiegata dall’aumento del 16,4% dei prezzi dell’azienda per le consegne internazionali.

Ilya Frolov
Ilya Frolov, Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade

Anche Advanced Micro Devices ha stabilito il proprio nuovo record con 4,83 miliardi di dollari di vendite e 0,92 dollari di EPS contro previsioni di consenso di circa 6,5% e 8,25% più basse. Il margine di profitto della società di semiconduttori californiana era quasi la metà nel Q4 2020 e solo un terzo del suo valore attuale solo due anni fa. Altri titoli di microchip potrebbero fare un rally sull’onda prodotta da AMD. Nvidia ha già aggiunto più del 5% mentre Micron Technology ha mostrato un aumento di prezzo del 2,5% nel pre-mercato di oggi, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

L’impennata dei prezzi del colosso energetico ExxonMobil non è stata una sorpresa visto   gli alti prezzi del petrolio che si stanno consolidando vicino agli stratosferici $90 al barile. La riduzione dei costi e la diversificazione hanno portato i prezzi di ExxonMobil all’attuale valore di $80 rispetto ai recenti $60 di fine 2021. Exxon ha registrato un fatturato assolutamente fantastico di circa 85 miliardi contro 73,79 miliardi nel trimestre precedente, con un EPS di $2,05 contro $1,58 nel terzo trimestre del 2021 e $1,01 nel secondo trimestre del 2021. L’ultima volta che ExxonMobil ha ottenuto risultati finanziari così elevati è stato nel 2014, quando i prezzi del petrolio hanno superato i $115 al barile. In quel momento, i ricavi della compagnia raggiunsero le triple cifre, e sembra che non sia difficile per il colosso petrolifero ripetere il record di prezzo del 2014, quando toccava i livelli sopra i 100 dollari per azione. Exxon Mobil ha anche annunciato un nuovo programma di riacquisto da 10 miliardi di dollari che potrebbe contribuire al raggiungimento dei suoi prezzi al rialzo.

Per quanto riguarda i risultati di Alphabet (Google), il portabandiera della ricerca ha ricevuto in primo luogo, quote dal settore della pubblicità su internet, che è in rapida crescita, aiutato dal cloud computing, entrambi hanno beneficiato della stagione dello shopping online durante le vacanze. Era abbastanza prevedibile, ma ha comunque spinto i prezzi di Google ad aumentare da $2.757 della chiusura di martedì a oltre $3.000 per azione. Le vendite trimestrali di Alphabet sono aumentate del 32% a 75,33 miliardi di dollari, superando le stime medie di circa 72 miliardi di dollari secondo i sondaggi degli analisti di Refinitiv.

È evidente che la ricerca su Internet di Google, così come lo streaming video di Gmail e YouTube, sono caricati ogni giorno da vari banner pubblicitari. Tuttavia, i CEO di Google hanno affermato che durante il terzo trimestre hanno persino perso alcune vendite perché le aziende stavano riducendo il marketing e le nuove misure sulla privacy di iPhone hanno ridotto la sua capacità di tracciare gli utenti online. Tuttavia, i ricavi pubblicitari nel quarto trimestre sono aumentati del 32,5% a 61,2 miliardi di dollari, rispetto alla stima media di 57,1 miliardi di dollari. La principale rivale di Google, Meta Platforms Inc, proprietaria di Facebook, ha già guadagnato il 3,5% anche prima di pubblicare i risultati finanziari. Il servizio Google Cloud, che è ancora in ritardo rispetto ad Amazon e Microsoft nella quota di mercato dei servizi cloud, ha aumentato le sue entrate del 45% su base annua a 5,5 miliardi di dollari.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:
L’analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio di investimento da parte di TeleTrade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button