CronacaEconomia e Finanza

TeleTrade: Perché i mercati europei stanno perdendo rispetto a Wall Street

I prezzi al consumo in Europa sono saliti a un livello record del 5,8%, che è quasi il triplo dell'obiettivo di inflazione della BCE

Il Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea (BCE), nell’ultimo incontro, non ha fornito chiari segnali sui futuri rialzi dei tassi di interesse a causa dello scoppio della guerra nell’Europa orientale. L’invasione russa dell’Ucraina ha reso l’energia più costosa, causando interruzioni negli scambi e pesando sulla fiducia delle persone.

“La crescita economica sarà più lenta di quanto previsto prima dello scoppio della guerra”, afferma il messaggio pubblicato sul sito ufficiale della BCE. Mentre alcuni produttori dei paesi europei stanno già iniziando a subire le conseguenze dei divieti commerciali e delle rinnovate interruzioni della catena di approvvigionamento. Le autorità quale consolazione possono offrire a tutti i produttori europei che hanno dovuto interrompere l’invio dei propri prodotti a Mosca e a Kiev?

La Presidente della BCE, Christine Lagarde, ha definito la guerra uno “spartiacque per l’Europa”. Ha aggiunto che la banca intraprenderà “qualunque azione sia necessaria” per sostenere l’economia nei prossimi mesi. Come previsto, la BCE ha mantenuto il tasso di rifinanziamento principale dell’Eurozona al livello zero a lungo termine, mentre il tasso sui depositi è ancora negativo a -0,5%. Questo divario è progettato per stimolare il giro di denaro da parte delle istituzioni finanziarie invece di parcheggiare miliardi di euro nell’area rifugio della Banca Centrale. Tuttavia, la BCE sta chiudendo i programmi di acquisto di attività (APP) più rapidamente del previsto. “Se i dati in arrivo supportano l’aspettativa che le prospettive di inflazione a medio termine non si indeboliranno anche dopo la fine dei nostri acquisti netti di attività, il Consiglio Direttivo concluderà gli acquisti netti nell’ambito dell’APP nel terzo trimestre”, ha affermato la banca.

Alex Livingstone, Head of Trading di Titan Asset Management, ha definito gli attuali problemi di inflazione nell’Eurozona come un gorilla in una stanza. Mentre la Banca d’Inghilterra sembra pronta per il suo terzo rialzo dei tassi in questo mese e la Federal Reserve (Fed) dovrebbe iniziare tra pochi giorni, la BCE è in ritardo poiché l’economia continentale europea è più preoccupata dalla crescente incertezza. Questo è probabilmente il motivo per cui il quotidiano The Hill con sede a Washington ha scritto che la “missione è impossibile” di Christine Lagarde, poiché la BCE “ha non una ma due missioni: una missione ufficiale per mantenere l’inflazione a non più del 2% e una missione non ufficiale per prevenire il crollo dell’euro mantenendo a galla i paesi fortemente indebitati dell’eurozona come l’Italia”.

Ilya Frolov
Ilya Frolov, Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade

Prima della fine del 2021, il rapporto debito pubblico/PIL dell’Italia era di circa il 155%, il livello più alto nei 150 anni di storia del Paese. Quindi, l’ultima cosa di cui l’Italia ha bisogno è un altro ciclo di recessione economica in Europa, che renderebbe le sue finanze pubbliche ancora più insostenibili, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

I prezzi al consumo in Europa sono saliti a un livello record del 5,8%, che è quasi il triplo dell’obiettivo di inflazione della BCE. Pertanto, anche la BCE sta interrompendo il programma di acquisto di obbligazioni, anche perché probabilmente non sarebbe sufficiente per vincere la battaglia contro l’inflazione, confermando che la BCE rimane vicina alla politica del tasso di interesse zero. A differenza degli Stati Uniti e anche del Regno Unito, che è diventato indipendente dal punto di vista energetico, l’Eurozona è fortemente esposta alle importazioni di energia e materie prime.

British Capital Economics, la società indipendente di ricerca macro, ritiene che l’inflazione dal 5,5% di gennaio aumenterà fino ad un picco del 8,3% prima di aprile, per poi rimanere al di sopra del 6,0% per quest’anno e al di sopra del 3,0% per la maggior parte del 2023. È probabile che l’economia britannica crescerà di appena il 3,5% nel 2022, in calo rispetto alla precedente proiezione del 4%. “Il Regno Unito non è esposto alle conseguenze economiche della guerra in Ucraina come il resto d’Europa”, ha affermato Capital Economics in una nota. L’economia del Regno Unito è rimbalzata molto meglio del previsto, con il prodotto interno lordo (PIL) in crescita dello 0,8% a gennaio a fronte di un calo dello 0,2% di dicembre, con un PIL annuo del 10%, che si potrebbe definire una fantastica ripresa.

Mentre il rialzo dei tassi di interesse ha già iniziato a limitare gli effetti dell’inflazione sulle isole britanniche, cosa ci si potrebbe aspettare dall’America che ha meno affari con la Russia rispetto al Vecchio Mondo? Lo scopriremo presto. Quindi, dall’altra parte dell’Atlantico per quanto riguarda la corsa agli investimenti, vinceranno quei mercati a breve termine.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

L’analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio di investimento da parte di TeleTrade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button