Politica

TeleTrade: Il gioco musicale delle sedie dell’OPEC

L'andamento del prezzo del petrolio resta sicuramente il tema economico più dibattuto della settimana.

L’andamento del prezzo del petrolio resta sicuramente il tema economico più dibattuto della settimana. Giovedì 2 giugno, i futures sul greggio Brent hanno toccato prima il prezzo di 112,50 dollari e successivamente 118,50 dollari mentre l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati stavano preparando i loro annunci pubblici. Eppure, anche questo tipo di follia sembrava già un picnic scolastico domenicale rispetto al picco di $122,85 al barile vicino alla data di scadenza dei contratti di luglio. Ogni singola mossa del mercato petrolifero è stata immediatamente seguita dalle variazioni in contemporanea dei prezzi delle azioni e dell’oro, come se i diversi segmenti di mercato rappresentassero un’unica macchina ben oliata con molte ruote e viti.

Gli investitori a Wall Street e in Europa temevano un rialzo molto rapido dei prezzi dei carburanti, poi sono diventati più o meno entusiasti quando il mercato petrolifero è sceso di quasi l’8% dai suoi massimi. Entrambe le emozioni non sono durate a lungo, la folla degli investitori ha tirato un sospiro di sollievo ma non ha avuto il coraggio di prendere una robusta boccata d’aria fresca. L’indice S&P 500 si è spinto fino al supporto tecnico chiave di 4.075 punti per la seconda volta durante questa settimana, quindi è aumentato dell’1,84%, ma ha perso slancio venerdì. Il potente Nasdaq 100 ha eseguito all’incirca gli stessi trucchi, ma con una magnitudine maggiore che va dal 2,7% dei guadagni al suo massimo a quasi l’1,5% di un rollback successivo.

Ilya Frolov
Ilya Frolov, Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade

Gli effetti dell’inflazione, causata da prospettive di carburante molto costose, si sono trasformati in forti variazioni dei prezzi al dettaglio con un ritardo compreso tra quattro e otto mesi. Con tutte queste considerazioni in mente, l’oro come asset di mercato tradizionalmente difensivo è passato da $ 1830 a $ 1870 per oncia troy e la prospettiva è che non si fermerà qui. Tali reazioni sia sui metalli preziosi che sulle azioni sono naturali, poiché una tendenza al rialzo dei prezzi del petrolio sarà bloccata per un po’ ma non per sempre, poiché un ulteriore aumento di 216.000 barili al giorno nei prossimi due mesi non sono sufficienti per invertire l’offerta globale sotto pressione. Se l’intera produzione mondiale è di quasi 100 milioni di barili al giorno e la produzione russa temporaneamente ridotta è stimata in 1,3 milioni di barili al giorno per i quali i sauditi e gli altri loro partner arabi non compenseranno, allora l’economia mondiale andrà incontro ad un serio problema, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

Questo sembra più un segnale simbolico che il cartello petrolifero statunitense, in linea di principio, è pronto ad ascoltare alcuni appelli europei per aumentare la produzione più rapidamente di quanto concordato in precedenza. Effettivamente, un ulteriore aumento della produzione di 432.000 barili al giorno potrebbe essere una soluzione efficace.

Tuttavia, i volumi persi dalla Russia all’Europa potrebbero essere ridistribuiti a favore dell’Asia. I potenziali problemi sono la carenza di petroliere e l’aumento del costo della logistica per il petrolio russo in India, che ha già dichiarato di essere pronta ad aumentare in modo significativo gli acquisti consentendo a più petrolio arabo di andare in Europa, questi problemi potrebbero far cambiare l’offerta chiedendo che tutti i costi siano inclusi nei prezzi, in modo da semplificare la situazione in termini di quotazioni di mercato.

I commentatori di Le Figaro hanno paragonato lo scambio di rifornimenti di petrolio tra i continenti, al famoso gioco delle sedie musicali, quando tutti corrono intorno cercando di riorganizzarsi da una posizione all’altra, ma alla fine uno dei giocatori non ha la possibilità di sedersi quando la musica si ferma, perché il numero delle persone è sempre maggiore del numero delle sedie. Quindi, i mercati azionari dovranno scommettere su potenziali vincitori o perdenti.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

Le analisi e le opinioni qui fornite sono intese esclusivamente a fini informativi e didattici e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio di investimento da parte di TeleTrade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button