Curiosità

Su Facebook hai avuto un messaggio cosi? 12 limoni ti aiutano a scoprire se hai un cancro al seno

12 limoni ti aiutano a scoprire se hai un cancro al seno?

Se sei una donna iscritta a Facebook, forse in questi giorni hai avuto un messaggio cosi. “Ciao, puoi mettere un cuore sulla tua bacheca, senza commenti, solo un cuore, poi invia questo messaggio ai tuoi contatti femminili, dopo aver messo un cuore sulla bacheca della persona che ti ha inviato questo messaggio. Se qualcuno ti chiede perché hai tutti questi cuori in bacheca non rispondere. È per le donne, per ricordare la settimana di prevenzione per il cancro al seno. Controlla il tuo seno! Tieni il tuo dito premuto sul messaggio e premi inoltra”.

Non sappiamo da dove è partita questa catena ed qual’è il motivo, visto che, il mese della prevenzione del tumore al seno è marzo, questa “pubblicità” si è verificato anche in altre parti del mondo, non solo in Italia. Infatti, l’utente statunitense Erin Smith Chieze, come tante altre donne, a cui è stato diagnosticato il cancro al seno, si è sentita disturbata dal questo gioco banale. Per questo motivo, Erin ha divulgato una foto trovata su Internet. Un’immagine creata dalla designer Corrine Ellsworth Beaumont che risponde in modo migliore all’esigenza di informare sulla prevenzione.

“Conosci i tuoi limoni” ideata da Corrine, Worldwide Breast Cancer

L’immagine – creata nell’ambito della campagna “Conosci i tuoi limoni” per l’organizzazione no-profit fondata da Corrine, Worldwide Breast Cancer. Questa foto cerca di dimostrare, attraverso 12 limoni, in quali casi sia opportuno correre dal medico per un controllo al seno. Il punto però – come spiega l’oncologa e ricercatrice dell’Airc (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) la dottoressa Alessandra Gennari dell’Ente Ospedaliero Ospedali Galliera – è che “l’immagine dei limoni rischia di confondere le idee”.

“E’ vero che quelli sono i sintomi con i quali si può presentare il tumore al seno, ma è pur vero che quasi tutti i limoni sono ad uno stadio avanzato e nella maggior parte dei casi, quando si arriva a quello stadio, non si tratta di una forma curabile – spiega la dottoressa Gennari – Il nostro obiettivo è non arrivare ad avere sintomi evidenti, ma accorgersene prima attraverso i controlli preventivi.

Come immagine quella dei limoni può andar bene, se vista però nell’ottica di promemoria di come non deve essere il nostro seno. Per non arrivare a questi livelli ci sono gli screening da effettuare con regolarità e in Italia, per fortuna e con grande impegno, questo concetto si sta estendendo sempre più a tutte le donne, giovani e meno giovani. La maggior parte delle donne che arrivano ad avere il seno come uno dei limoni dell’immagine sono, purtroppo, donne che trascurano la propria salute”.

Tags

Articoli correlati