Curiosità

Esperio: Il mercato ha bisogno di tempo per digerire le mosse della FED

I grandi investitori sono diventati più ansiosi a causa dei crescenti rendimenti dei Titoli di Stato degli Stati Uniti che hanno raggiunto i massimi di novembre 2018

I grandi investitori sono diventati più ansiosi a causa dei crescenti rendimenti dei Titoli di Stato degli Stati Uniti che hanno raggiunto i massimi di novembre 2018 al 3.1% per il benchmark del Btp 10 anni dopo l’aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve (Fed) di mercoledì. Sebbene questo sia quasi il 5% inferiore all’attuale livello inflazionistico, un forte aumento del costo dei prestiti in dollari di solito frena l’entusiasmo generale in tutti i segmenti di mercato ad eccezione degli asset energetici.

Di conseguenza, l’indice S&P 500 sta testando i minimi ad un livello di 4.100 punti, nonostante un rimbalzo apparentemente fiducioso da quell’area il giorno della riunione della Fed. L’indice Nasdaq è sceso di circa il 5%, quasi al livello più basso del 2022, questo perché i titoli tecnologici sono considerati più sensibili ai titoli degli asset con reddito garantito e molti di essi dipendono anche dai flussi di cassa esterni. In questo momento gli scettici stanno vincendo, poiché il mercato si abitua gradualmente a questa nuova situazione, commenta Alex Boltyan, l’analista di Esperio.

Il Federal Open Market Committee (FOMC) ha deciso di aumentare i tassi di interesse di 50 punti base allo 0.75-1.0% dicendo che “i continui aumenti previsti dal piano saranno appropriati”. Il frontman della Fed, Jerome Powell, ha osservato, durante la sua prima conferenza stampa dal vivo dopo lo scoppio della pandemia che “sono previsti nei prossimi due incontri in programma il 15 giugno e il 27 luglio, ulteriori aumenti di 50 punti base”. Ha inoltre aggiunto, che “l’inflazione è troppo alta e comprendiamo le difficoltà che sta causando e ci stiamo muovendo rapidamente per riportarla giù”.

Allo stesso tempo, il Gruppo Goldman Sachs e alcune altre grandi istituzioni finanziarie hanno condiviso le loro previsioni secondo cui un quarto aumento dei tassi di 50 punti base potrebbe essere possibile a settembre, ma lo scenario probabile prevede circa uno 0,25%. I tassi potrebbero raggiungere il 2.0-2.25% prima della fine del 2022, quindi l’ulteriore percorso verso l’intervallo target del 3-3.25% per il tasso sui fondi della Fed sembra un possibile risultato entro la seconda metà del 2023, ma i rendimenti obbligazionari potrebbero diminuire più velocemente in base a tali aspettative.

Una delle preoccupazioni più importanti sono gli eventuali problemi aziendali nella seconda metà dell’anno causate dall’aumento dei costi di produzione che purtroppo coincideranno anche una non crescita del reddito medio delle famiglie. Gli investitori sono stati in parte rassicurati dal discorso di Jerome Powell in cui ha affermato che la Fed non sarà insensibile a questi problemi e, considerando l’aumento del tasso di 75 punti base nei prossimi mesi, coglierà l’opportunità di stabilizzare i prezzi il più rapidamente possibile ed in maniera più efficace possibile” senza dover ottenere “un aumento significativo della disoccupazione o un rallentamento davvero brusco della crescita”. Come ha osservato Powell, le variazioni dei tassi potrebbero non essere “piacevoli”, ma tutti ne trarranno vantaggio nel lungo periodo, comprese le persone con stipendi fissi o che si trovano nella fascia più bassa della distribuzione del reddito. Ha inoltre aggiunto che prima la Fed riuscirà a portare a termine questo lavoro, meglio sarà per tutti.

Questa strategia, unita all’inizio tardivo e più lento della riduzione del bilancio della Fed, ha lanciato un altro tentativo di ripresa al rialzo. Tuttavia, è durato poco e il giorno successivo è stato interrotto. Anche i prezzi dell’oro sono diminuiti dopo aver testato le aree di resistenza al di sopra di $ 1910 per oncia e poi alcuni livelli vicini a $ 1975. Questi movimenti oscillatori potranno verificarsi spesso prima che i mercati globali giungano a conclusioni più tecniche su quali direzioni prendere. Il mercato potrebbe aver bisogno di più tempo per digerire finalmente le mosse evocate da Jerome Powell.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button