Viaggi

Marocco alla scoperta della città di Tangeri

Tangeri una città poco conosciuta ma che merita di essere scoperta

Tangeri è una delle città più belle del Marocco. Misteriosa, magica ed emblematica è una tra le città meno conosciute. Questa città è un luogo di frontiera dove si mescola la cultura araba a quella europea, irresistibile il mix che si crea. E’ oggi uno dei porti più importanti, una città multietnica e un’importante polo industriale.

Se si passeggia tra le sue vie si scopriranno colori, profumi, lingue ed usanze. I ristoranti di Tangeri sono posti in cui la cultura culinaria europea si incontra con quella araba. Si possono gustare il cous cous e il tajine di tradizione orientale, oppure pesce fresco cotto alla brace e fritto.

Il clima è temperato, ci sono estati calde ma non afose e inverni miti ma piovosi, per questo il periodo migliore per trascorrere un weekend a Tangeri è tra maggio e settembre. La Ryanair la inserirà a primavera 2018 tra le sue destinazioni raggiungibili dall’Italia.

Tangeri è famosa per le sue spiagge di sabbia bianca, per il suo mare turchese dove si possono praticare parecchi sport acquatici. La baia è la zona più famosa e da qui si può ammirare il Mediterraneo e l’oceano Atlantico. Se si vuole assaporare in pieno l’atmosfera del lungomare di Tangeri dovete assolutamente fare una passeggiata su Avenue Mohamed VI. Oltre alle spiagge anche la città merita di essere visitata.

Vita e storia

Il cuore di Tangeri è la piazza del Piccolo Socco nel centro storico. Famosa per i locali ma ancor di più per essere stata in passato uno dei luoghi cult della beat generation. Personalità come William Burroughs, Allen Ginsberg, Jack Kerouak si riunivano qui per conversare, scrivere e godersi il sole del Marocco.

In questa città c’è l’American Legation Museum un museo situato nel palazzo di pietra della medina e che racconta questo periodo storico. Internamente c’è una sala dedicata a Paul Bowles con i suoi dipinti originali, i disegni e le lettere. Nel palazzo ci sono anche opere d’arte realizzate dal XVII secolo ai giorni nostri.

Il Grande Socco rappresenta la zona moderna della città. Qui troviamo il suk dove viene venduta qualsiasi merce: spezie, verdura, antiquariato e stoffe. Sempre in questa zona ci sono anche i giardini Mendoubia con l’albero Banyan che ha più di 800 anni.

Marshan è il quartiere più affascinante di Tangeri e a poca distanza c’è il Palazzo di Mendoub. Questo palazzo è stato acquistato dal miliardario Malcom Forbes anni fa e divenuto il museo di Forbes. All’interno sono state ricostruite le battaglie avvenute nel corso della storia e che raccontano il passato del Marocco.

Marocco alla scoperta della città di Tangeri
Vota questo articolo

Tags

Articoli correlati