Sport

Vizio del fumo tra i giocatori di calcio

Fumo e calcio non vanno molto d'accordo ma parecchi sono i giocatori con questo vizio.

Vizio del fumo

Il fumo è un vizio dannoso per il nostro corpo. Se torniamo indietro nel tempo ci ricordiamo che si fumava ovunque. Nei luoghi pubblici, negli ospedali, nelle scuole, in macchina. Ultimamente non si può fumare in nessun luogo. Anche se ci sono molte restrizioni, il vizio, per chi lo ha non diminuisce. Il problema nasce quando vediamo anche molti giocatori mentre fumano una sigaretta. Essendo per i ragazzi degli idoli non è bene vederli fumare. Fumo e calcio non dovrebbero essere associati. Un atleta, uno sportivo deve sapere quali sono i problemi ed i rischi che si corrono quando si fuma. Il fiato è più corto, i polmoni sono più affaticati.

Calciatori fumanti

Visto che molti giocatori fumano proviamo a vedere se riusciamo a fare una squadra da 11 di giocatori definiti fumanti. In porta mettiamo Gianluigi Buffon immortalato spesso con la sigaretta. Sulle fasce inseriamo a sinistra Fabio Coentrao ed a destra Ashley Cole. Al centro Gerard Piqué, lui amante del sigaro. Altro centrale Lorenzo Tonelli. Come centrocampisti Marco Verratti, Jack Wilshere e Radja Nainggolan. Michel Platini come trequartista. Davanti a tutti Gigi Riva e Dario Hubner. La squadra è pronta per scendere in campo e comunque visti i nomi e le carriere svolte o in svolgimento non hanno subito molti strascichi dal fumo.

Cause collegate al fumo

Tutti dicono di non fumare ma i fumatori aumentano di anno in anno. La cosa più preoccupante è che diminuisce sempre di più l’età in cui si inizia a fumare. Vediamo ed esaminiamo i rischi ai quali incorrono i fumatori.

In primis il tumore al polmone. Purtroppo però il fumo può provocare tumori ovunque. A rischio colon, esofago, rene, vescica, orofaringe, stomaco, pancreas.

Causa malattie cardiovascolari e respiratorie. La nicotina aumenta il battito cardiaco e la pressione sanguigna, provoca la costrizione dei vasi e causa la formazione di coaguli e trombi.

Chi fuma è più a rischio di infarto, aneurisma all’aorta, broncopneumopatia.

Disturbi all’apparato riproduttivo e negli uomini a disfunzioni erettili. Il fumo aumenta l’impotenza e riduce la fertilità.

Disturbi al sonno specialmente nelle donne. L’insonnia è direttamente proporzionale alle sigarette che si fumano.

Abbassamento del sistema immunitario con conseguente esposizione a batteri e virus.

Tabagismo

Il tabagismo è la dipendenza dal fumo del tabacco. Il fumo del tabacco contiene la nicotina uno stimolante che migliora nel fumatore l’umore, la memoria e la velocità nei riflessi. D’altro canto genera dipendenza chimica psicofisica. Se il fumatore ha un calo di assorbimento di nicotina c’è un aumento dell’ansia, dello stress e depressione. La sigaretta è un prodotto confezionato ricavato da un cilindro di carta con all’interno foglie secche di tabacco trinciato. Tanti anni fa specialmente le donne usavano inserire la sigaretta in un bocchino che consentiva di filtrare e raffreddare il fumo aspirato. Il fumo di sigaretta ci fa ingerire circa 4000 sostanze chimiche. Chi fuma respira volontariamente il tabacco bruciato e si definisce fumatore attivo. Chi invece staziona vicino a fumatori specialmente in ambienti chiusi si definisce fumatore passivo. Il fumo passivo non è meno tossico di quello attivo e provoca in persone non fumatrici problemi di salute gravi.

 

 

 

 

Tags

Articoli correlati